HOME > INTERVENTI > OSSERVAZIONI DI ENRICO PEYRETTI

Enrico Peyretti


Suggerimenti per la relazione

 

Tema unificante l'eucaristia, certo, ovviamente non come rito, culto, ma come modello concentrato (culmen et fons) della vita cristiana quotidiana: comunità fraterna, accoglienza, primato degli ultimi, penitenza e riconciliazione (reciproca, ma anche offerta unilaterale, per essere perdonati), ascolto della Parola, riflessione attuale, dedizione, condivisione, invio.
Non sacrificio sacerdotale, ma presenza in ogni tempo dell'amore coraggioso di Gesù, della sua fedeltà totale al compito di annuncio del Bene, "fino in fondo" (Gv 13,1), nonostante tutto il male che lo colpisce crudamente.
Questa presenza dell'amore coraggioso di Gesù viene riconosciuta e vissuta da tutti i fedeli (sacerdozio comune) per tutti gli umani, nella presenza-attesa del Regno.
Il precetto eu-angelico (annuncio buono, di bene) "Ma voi non così" risplende nell'eucaristia, ma riguarda tutta la forma e la struttura della comunità ecclesiale.
Allora, questa può essere "gerarchica", o non piuttosto ministeriale (molti vari ministeri) e modello di rovesciamento delle gerarchie mondane (alto-basso, primo-ultimo, padrone-servo, maestro-discepolo, anziani-giovani, comandante-obbediente, ... )?
Perciò comunità profetico-politica, non certo per via di concorrenza nel potere sugli altri, ma nel servizio al con-vivere in giustizia e pace.
La finisca, la tele-chiesa, di confrontarsi coi poteri (rapporti e concordati tra chiesa e stato, lobbies politiche), ma parli e testimoni, la chiesa-noi, umilmente, alle persone, la nostra fede-attesa del Regno. Non allo stato, ai potenti - diceva ieri qui a Torino Severino Dianich in un convegno su chiesa e laicità - ma nella società civile.
Il Regno annunciato da Gesù è il rovescio dell'Impero con cui egli stesso ebbe a che fare, sfidandolo nella verità, Impero che lo inchiodò ma non lo spense, anzi.
Se la chiesa imita gli imperi (storicamente lo ha fatto; lo sta facendo?) rinnega Gesù.
Ma c'è sempre un cuore della chiesa, abitato dallo Spirito, nel mondo, non del mondo, per il mondo, che il Padre ha liberato dai chiodi dell'Impero.
5 marzo 2011

 
 

Statusecclesiae.net